domenica 20 ottobre 2013

La premessa

 
 
La premessa è ciò che viene prima.
Una buona premessa, spesso, chiarisce il tutto e salva da fraintendimenti.
Tante altre volte però la premessa è qualcosa che viene prima di qualcosa non bello.
E' come la zolletta di zucchero data prima di prendere le gocce di novalgina (da piccolo mio padre me le fece prendere così qualche volta).
Mi sono sentito dire, almeno un 2 0 3 volte, la premessa "Tu sei una persona speciale, la migiliore che abbia mai conosciuto", o sue varianti.
E' stata sempre la premessa zuccherina che poi ha anticipato di poco il "ma..." portatore di dolorose parole e conseguenze.
Pare che la vita sia fatta di attimi e che anche i sentimenti siano fatti di attimi.
E' un attimo dire a qualcuno che gli vuoi bene ed è altrettanto un attimo il sentire il bene per una persona.
Allo stesso modo l'attimo funziona al negativo. Un attimo per prepararti (alla speranza), un attimo per affossarti (nel dispiacere).
Chi mi ha detto premesse dolci mi ha sempre servito di seguito piatti amari, talvolta nauseabondi.
E' un'ottima tecnica per chi la sa gestire. E' un'ottima scusa per chi la sa applicare. E' un pessimo salasso per chi la deve subire.
E' come puntare con una torcia elettrica il tuo cuore al buio, un attimo prima di affondartici dentro una bella e profonda lama di pugnale.
 
 

Nessun commento:

Posta un commento