giovedì 19 novembre 2009

Learning to fly

Se l'uomo fosse stato fatto per volare avrebbe avuto le ali!
Essì, innegabile come logica ed è una frase che ultimamente mi stò dicendo spesso.
Ebbene sì, appartengo a quella nutrita fetta di persone che quando sentono le paroline "volare" e "aereo" cominciano un pò preoccuparsi.
Ho viaggiato già in areo, pochi voli, distanti l'uno dall'altro parecchi anni (l'ultimo risale ad almeno 4 anni fa in ritorno da Monaco di Baviera) e non ho mai avuto particolari problemi.
Eppure da un pò mi è salita questa strana fifarella per gli aerei ed è un peccato perchè, oltre ad essere non eccezionalmente giustificabile, è anche terribilmente limitativa in termini di viaggi e spostamenti in genere.

Con l'occasione del master a Pisa però ho colto (o più sinceramente spinto da necessità logistiche) l'occasione per affrontare questo timore e vedere di vincerlo o, alla peggio, di conviverci.
Pertanto domattina decollerò da quel di Bari, circa un'oretta di volo (spero tranquillo...) e atterraggio a Pisa; poi, l'indomani, già il ritorno ma nel primo pomeriggio.

Staremo a vedere...

2 commenti:

  1. Pensa invece alla bellezza di poter attraversare il cielo e guardare il mondo dall'alto.. Da lì possiamo cogliere altri volti della nostra Terra e viaggiare con la mente.. aprire gli orizzonti della nostra fantasia e tornare un pò bambini meravigliandoci delle piccole cose...

    RispondiElimina