lunedì 22 febbraio 2010

Fiero di essere uno sfigato

Oggi una persona si è permessa il lusso di darmi dello sfigato.
Sfigato perchè a suo dire non cavalco le famigerate sfumature. Sfigato perchè ho rispetto ma anche timore. Sfigato perchè non mi abbandono all'istinto. Sfigato anche perchè leggo fumetti e perchè giudico senza aver mai vissuto. Sfigato perchè critico quello che non sarò mai.

Beh, cara persona di cui sopra. Se questo è essere sfigato, beh, ne sono orgoglioso. Sono orgoglioso di ciò che sono, di quello che ho fatto di quello che faccio, dico, creo e distruggo. Sono orgoglioso di me stesso, del mio essere, del mio apparire e della mia intelligenza. Sono orgoglioso perchè posso vivere 364 giorni di cacca e 1 di felicità e ritenermi soddisfatto.
Sono orgoglioso di leggere (cosa che forse tu non sai neanche più fare...) che siano fumetti, libri, o giornali perchè ciò apre la mia mente, stimola le mie capacità intuitive, la mia fantasia, e mi permette di sapere cose che forse non vivrò ma di cui avrò almeno sentito parlare e ciò mi permetterà di affrontarle nel miglior modo possibile.
Sono orgoglioso del mio essere spigoloso e al contempo fragile. Di sembrare burbero e di essere invece fin troppo buono. Sono anche orgoglioso di essere qui a scrivere questo "sfogo" anzichè stare al telefono a insultarti come probabilmente ti meriteresti.
Sono orgoglioso anche di essermi trattenuto perchè, qualche dio lo sa, quanto avrei voluto risponderti per le rime, ma non mi abbasso all'altezza della tua sporca mangiatoia.
Sono orgoglioso perchè ho una specie di sesto senso che mi porta a non fidarmi del tutto delle persone di una certa (scarsa) lega.
Sono oroglioso delle mie paranoie, delle mie paure, dei miei limiti perchè rappresentano uno stimolo a migliorarmi, a non fossilizzarmi.
Sono orgoglioso di non aver ragionato col cazzo come forse le tue sfumature prevedevano e aver ragionato con la mente e, viva dio, con il cuore.
Sono infine orgoglioso di capire che, nonostante per la maggiore in giro ci siano persone insulse come te, in circolazione c'è anche del buono, magari nascosto, oppresso dalla merda che siete, ma esiste!

E tu, cara persona in questione, sei orgogliosa di qualcosa? E' motivo d'orgoglio trattare le persone come dei "caronte" usa e getta? E' motivo d'orgoglio mostrarsi per ciò che non si è, ammettere la propria solitudine e poi infangarmi perchè ciò ti fa stare meglio? E' motivo d'orgoglio pensarti superiore e migliore a me solo perchè non ho giocato con le tue regole?
Non lo so, se leggessi questo post forse potresti anche rispondere, ma non lo farai ed è anche meglio così perchè insozzeresti questo mio spazio con la tua sporca logica qualinquista, materialista e fondamentalmente falsa di cui faccio volentieri a meno.

Cara persona in questione, non ti meriti neanche d'essere mandata al diavolo perchè, ne sono certo, anche lui ricaccerebbe indietro a pedate.
E neanche mandata a fare in culo perchè, anche quello, ti sputerebbe fuori come una supposta non ben assimilata.
Per cui, per quanto, ripeto, sono certo non leggerai queste righe, preferisco rimanere a vita sfigato pur se la tua di figa fosse l'ultima in circolazione!

4 commenti:

  1. anche io sono orgogliosa delle mie paronie e delle mie paure, chi ragiona ha paure forse che il tuo amico usa poco il cervello?

    boh

    W gli sfigati come noi anche Van Gogh era uno di noi...

    RispondiElimina
  2. non amico, e neanche amica visto che di amiche così non ne voglio manco morto. diciamo conoscente...triste conoscente aggiungerei.
    ad ogni modo, non è questione di raginare. la persona in questione il cervello lo ha eccome. semplicemente ha un modo di ragionare completamente opposto al mio. che poi sia sceso nell'offensivo questo denota, a mio parere, solo la sua frustrazione.

    RispondiElimina
  3. Non ti conosco, ho letto il tuo post per caso. Ricorda tanto una mia storia passata e sono giunto alla stessa conclusione.
    Non so se possiamo definirci sfigati o semplicemente normali. E, bada bene, i normali, in questo mondo incasinato, sono davvero l'eccezione.
    La persona di cui scrivi non ti merita, di questo ne sono certa.

    RispondiElimina