venerdì 22 luglio 2011

"Come stai?"


E' la domanda più comune che ci si può sentire porre. Stranamente è anche tra le più complicate a cui rispondere.
Chi più chi meno abbiamo i nostri problemi, le nostre lune storte. Abbiamo anche, vivadio, delle cose positive ma quelle, a livello statistico, accadono molto di meno.
Pertanto, alla domanda di cui sopra, c'è tutta una serie di intercalari, di risposte a pappagallo o di default che si utilizzano tipo (in ordine più o meno decrescente):

"Benissimo"
"Tutto bene"
"Va bene"
"Benino"
"Insomma"
"Potrebbe andar meglio"
"Al solito"
"Come vuoi che vada?"
"Male"
"Malissimo"
"Medito il suicidio"

C'è poi la risposta/non risposta. Quella che, a volte, preferisco. Quella che non si da a voce ma con gli occhi. 
Ed è in genere eloquente a chi ce la richiede. Soprattutto se il motivo dello stare bene o meno bene dipende proprio dall'atteggiamento delle persona che ce lo domanda.
E quindi "tu" che ogni tanto mi domandi "come stò, come và, cosa fò", la risposta la sai perchè in parte, una larga parte, dipende proprio da te...
Non evitarla, per carità, il chiedere è già un vago atteggiamento di interesse. Vago...


3 commenti:

  1. Guarda, ti sembrerò un po' cinica, ma penso che la frase "come stai" equivalga più ad una formula di rito usata per introdurre il resto della conversazione che ad un reale interesse per le condizioni del prossimo.
    Fatte salve le dovute eccezioni, ovviamente.
    Prova ne è il fatto che se anche rispondessimo alla fatidica domanda del "come stai?" con una frase iperbolica del tipo "stavo pensando di suicidarmi", l'altro andrebbe tranquillamente avanti con la conversazione come se avessimo detto semplicemente "tutto bene, grazie".

    RispondiElimina
  2. Non mi sembri affatto cinica o, almeno, non mi sembri più cinica di me :)
    E' esattamente quello che penso anche io al riguardo.
    Per non parlare poi di quando si parla del tempo...

    RispondiElimina
  3. Ah beh, le conversazioni sul tempo sono quelle che in genere si fanno appunto... per ingannare il tempo (segno evidente che la conversazione langue) :-D

    RispondiElimina