mercoledì 9 giugno 2010

Bèèèèèèèèèèèèè


Non sono un leone. Forse sono una pecora. Almeno lo ammetto, e ammetto, comunque di essere nera.
Perchè, passi fare massa, passi annuire senza avere capito bene il perchè, passi il rispetto che talvolta sfocia nella prostrazione, ma ad un certo punto ci si deve fermare.
Quando, oltre all'orgoglio, poi mi si tocca anche minimamente il portafogli (gonfio solo di vecchi scontrini e di ben pochi soldi) , da buon pecorone mi incazzo, abbasso la testa, e dò qualche craniata.
Solo mi spiace che pur facendo da ariete (stà commistione ovina comincia un po' a crearmi confusione), nessuno mi segua.
Neanche a fare, come direbbe il simpatico (?) Sgarbi, il "culattone" però con il mio di culo nessuno ne approfitta! Tutti improvvisamente etero?!
Massì, meglio pensare a magnà (o a brucare l'erba).

3 commenti:

  1. meglio un giorno da pecora che cento da leone

    RispondiElimina
  2. @ Malumore: condivido, ma pensa te che poi qualche pecora m'ha seguito...ma solo per dirmi quanto sono stato "coraggioso", peccato che poi sia ritornata indietro nel recinto e lì sia rimasta a brucare...

    @ Bimboverde: bof...

    RispondiElimina