venerdì 2 gennaio 2015

Ehi, ma io ho un blog?!



Essì che ce l’ho! E lo sto trascurando a morire, e mi spiace.
Ma con il dispiacere e le lacrime di coccodrillo si combina poco, per cui cercherò (più che in passato) di ripassare e scrivere da queste parti più spesso, sperando non sia una promessa da marinaio.
Ad inizio anno (fresco fresco, nuovo nuovo) sarebbe d’obbligo fare una valutazione di quanto appena trascorso nel 2014 e predisporre i nuovi immancabili propositi per questo 2015.
Non so se elencare il tutto, fare una sorta di lista della spesa.
Elencare i luoghi visitati, e quelli mancati? Le persone conosciute e quelle perdute? I libri letti e quelli lasciati sugli scaffali? Mi sembra più uno di quei tristi e ripetitivi servizi dei TG trasmessi appunto alla fine dell'anno.
Una cosa però la penso: che questo 2015 parte davvero svantaggiato.
Parte con un'enorme aspettativa da parte di tantissime persone: chi per avere un lavoro, chi per avere salute, chi per trovare l'amore, e via dicendo con tutti i nostri desideri e le nostre speranze (anche le mie). E quando si caricano troppe aspettative su qualcosa, come su qualcuno, la tensione è tanta ed il rischio di sbagliare e far disastri cresce in maniera esponenziale.
Speriamo quindi che questo 2015 abbia ossa e muscoli forti, che abbia tenacia e sia pronto al sacrificio, che sia speranzoso e convinto delle proprie capacità e possibilità.

Ed io, come il 2015, speriamo che me la cavo.


Nessun commento:

Posta un commento