martedì 25 agosto 2009

148 milioni di coglioni!

Qualcuno potrebbe obiettare sul fatto che di coglioni in giro ce ne siano moooolti di più, e concordo.
Ma la cifra è quella riferita alla recente super-mega-iper-vincita al superenalotto.
Io non ho quasi mai giocato (il quasi è dovuto proprio agli ultimi giorni quando, in comitiva, ho accettato di mettere una micro quota di 1 euros) e ne vado fiero.
Semplicemente non immagino che per un gioco di probabilità si possa decidere della vita di una persona, non lo accetto.
Non sono un giocatore, non baso le mie scelte sul forse, lo trovo odioso e limitativo. Sì, leggendomi paio tanto il mitico Spock con le sue storie sulla logicità e illogicità della razza umana, e concordo anche con questo.
Non è possibile, a mio parere, che per settimane come prima notizia ai TG nazionali ci fosse stà menata del 6 mancato (seguito a ruota poi dalle notizie di politica con le cazzate estive sparate da Bossi!), che di punto in bianco ci sia scordati di terremotati, di guerre e di cose che, preferirei, venissero trattate maggiormente.
Non so a voi, ma a me i 148 milioni di euri si sono trasformati, appunto, in 148 milioni di testicoli gonfi e pesanti!
Non dirò che in uno Stato civile non si dovrebbe basare il maggior introito erariale su giochini, grattini e lotterie varie. Non dirò che, in uno Stato civile, una vincita del genere non doveva essere neanche distribuita, ma sarebbe stato meglio dividerla e destinarla a investimenti pubblici utili alla collettività (opere pubbliche, cassa integrazione, rilancio dell'economia).
Ma almeno che la smettessero, su TG, giornali e radio, di ribadire che a Bagnone, dove è avvenuta la famigerata vincita di UNA persona, c'è festa grande!
Perchè, come ha detto un mio amico, è come se nel quartiere dove abita Brad Pitt tutti esultino quando lui si scopa la Jolie!

5 commenti:

  1. ho riso tanto con questo post :p

    RispondiElimina
  2. Mah... lì ci sarebbe poco da esultare perché credo accada piuttosto di frequente, vincere al Superenalotto capita una volta nella vita (resta il fatto che non c'è nessun motivo per cui i non vincitori in loco debbano festeggiare salvo cercare di carpire a forza di alcolici le generalità del vincitore... :P)
    Io comunque gioco regolarmente da anni, non ne vado fiero né me ne vergogno, lo faccio e basta. ^__^

    RispondiElimina
  3. @ Marilenà: lieto che ti sia piaciuto ^_^

    @ CMT: attenzione, lungi da me criticare chi gioca con regolarità. è una cosa a pelle che io non sopporto per indole personale, tutto qui ^_^

    RispondiElimina
  4. Sono d'accordo pienamente, ho scossato la testa dalla disperazione ogni volta che sentivo il tg, un vero sfracellamento di....quella roba lì inzomma.

    RispondiElimina
  5. @ Eli: attenta alla cervicale...

    RispondiElimina