domenica 8 marzo 2009

Donne senza gonne


Oggi è l'8 marzo. E' la festa della donna e, diciamocelo, per molti di noi maschietti è l'occasione (se non l'obbligo) per deturpare incolpevoli alberi di mimose o, al peggio, riempire le tasche dei fiorai, per presentarci, con sorriso ebete e con dei ramoscelli puzzolenti che fanno polvere, al cospeto di sedicenti donne per riceverne, in cambio, un bacio, un grazie e, per i più fortunati, anche qualcosa in più.

Siamo fatti così, dalla notte dei tempi, lo sappiamo e lo sapete.

La "festività" di oggi dovrebbe essere, nel mio pensiero, un momento, per le donne ovviamente, per vedersi e fare un bilancio del loro modo di fare.

Ebbene, io da uomo (alquanto perennemente incazzoso), il bilancio lo faccio, anzi, lo subisco.
Non me ne vogliate, probabilmente mi si svuoterà il blog della presenza femmnile e pazienza, ma se la tanto famosa parità (paventata e/o meritata) consisteva semplicemente nel raggiungere (e forse anche superare) l'uomo in stronzaggine e bastardaggine, beh...forse forse c'è qualcosa che non va.

Le donne, per quanto ne sia deluso e talvolta spaventato, non credo siano quello che sono (o appaiono) oggi giorno.
Arriviste, presuntuose, orgogliose, ipocrite e alquanto menefreghiste, non penso lo siano tutte per grazia di qualche dio o demone.
Insomma, per quello, scusateci donne, ma c'eravamo già noi uomini! E' già dura confrontarci con tipi arroganti e testosteronici pronti a fotterti da dietro non appena volti lo sguardo per un secondo, e sinceramente non credevo di dover fare la medesima cosa anche al cospetto di una donna (che magari non ti fotte, ma ti pianta il suo bel tacco da 11 nel mezzo del qu).

Non dico che dovreste stare a casa a far figli e a rammendare le famose calzette (sfido ancora qualche donna a saper tenere un ago in mano a patto di non essere, forse, infermiera o appassionata di baboline voodoo), ma...davvero il meglio che sapete fare è questo? Avere l'aspirazione di sculettare in giovane età per diventare veline, troniste, schedine, fidanzatine di calciatori o imprenditori?
E quando vi laureate e diventate professioniste, l'aspirazione è solo quello di diventare tali per guardare, secondo voi, un uomo dall'alto in basso (cosa che, in genere, all'uomo medio conta poco visto che vi osserverà al massimo all'altezza delle tette)? O magari per rinfacciargli, ogni 3 secondi, che siete una donna e non volete favoritismi (salvo poi osservarli, con sguardo da Bambi, quando vi servirà quella mezzora di permesso per andare dall'estetista)?

Mi spiace, ma quando vedo (e ne vedo parecchie, ahime) di donne a questo modo, ripeto, ho paura, e anche un pò vergogna.
Vergogna come uomo, vergogna per aver favorito la costruzione di un essere simile in tutto e per tutto a noi (solo nei difetti) ad eccezione del pisello.

Molte donne se ne escono con trita e ritrita frase "il mondo in rosa è il migliore", e, credetemi, ne sono assolutamente certo.
Solo che, le donne, voi donne, come tali, state ancora decidendo che punto di rosa scegliere!

11 commenti:

  1. destabilizzato eh!!!?
    Non pensi che gli atteggiamenti aggressivi, o di esibizionismo siano dovuti al confronto di anni di stereotipi maschili, per cui la donna doveva seguire dei modelli dettati dall'uomo: donna di casa o puttana...
    La mimosa non è importante, importante è l'ascolto e il confronto...un abr

    RispondiElimina
  2. Beh, Pierpaolino, un discorsetto un tantino generalista, fra l'altro non è che la gran parte dei maschietti si comporti in modo impeccabile.
    Personalmente penso che sia ora di piantarla di dire le donne sono stronze o gli uomino sono stronzi, dato che gli stronzi ci sono in entrambe le categorie, penso che il problema sia l'umanità non il sesso della stessa. (Tranne quando si vuole ironizzare ovviamente: è troppo divertente sfottere gli uomini per cose come la loro incapacità di distinguere i colori). E fin qui solo il mio pensiero. In ogni caso non è che noi donne non ci prendiamo le nostre simpatiche inqlate dagli uomini.
    Fra l'altro la festa della donna è una cosa che mi fa sentire tanto specie protetta manco fossi il panda del wwf, non è una bella sensazione.

    RispondiElimina
  3. Ho smesso di fare questo tipo di distinzione uomo/donna da un bel pezzo orami... ^_^;;;
    Le donne non sono diverse da come erano un tempo, sono diverse da come _apparivano_ (ed erano costrette ad apparire) un tempo, che non è decisamente la stessa cosa.
    Tolto quello, quando non ci si limita a elementi puramente fisici, la vera diversità è individuale, non di categoria o di sesso.

    @Fed: ... come sarebbe a dire che siamo incapaci di distinguere i colori??? ?____?

    RispondiElimina
  4. X la Signora: destibilzzato da che?! sono nel pieno delle mia capacità mental/incazzose sempre e comunque ^_^
    e, ripeto, per me le donne hanno raggiunto, spinte da noi uomini, una parità in qualcosa che, personalmente, non aveva proprio senso da che era ed è negativa.

    x Fed: mai detto che gli uomini siano santi. so che sembra tanto, il mio discorso, simile a quello del bue che da del cornuto all'asino, ma se il discorso, forse, è generalista il mio pensiero è individualista. non so quanti, tra i maschietti, oggi se ne siano usciti con questo discorso e quanti, tipo in visita allo zoo del famigerato WWF, si siano presentati con mimose e noccioline (le prime da regalare, le seconde da sgranocchiare durante lo spettacolo).

    X CMT: io invece una distinzione, seppur minimale, tendo a farla. ti do in parte ragione immaginando che le donne da SEMPRE siano state così, che siamo più uguali di quanto si pensi e si ammetta, ma a questo punto di che parità si tratta? un gioco a chi è il peggiore? a chi fa più lo stronzo o la stronza? se il mondo in rosa doveva o deve essere questo, allora tanto vale che rimane del colore che è attualmente...tendente al marroncino.

    RispondiElimina
  5. @Pierpaolo: no, il tuo discorso non sembra quello del bue che dà del cornuto all'asino, ma quello del bue che dà della cornuta alla mucca ^_^

    @CMT: tu sei una delle rare eccezioni in effetti visto che a quanto ho capito sei a conoscienza dell'esistenza del pervinca (tanto per fare un esempio), ma molti maschietti non vanno oltre il blu, giallo, rosso, verde. E io prendo bonariamente in giro la categoria per questo ^_-

    RispondiElimina
  6. Io vorrei fare una festa del gladiatore, per commemorare tutti i gldiatori morti nelle arene; in seguito farei anche una giornata del dinosauro, per commemorate tutti i dinosauri scomparsi durante la caduta del meteorite.

    YES WE CAN.

    RispondiElimina
  7. @Pierpaolo: ma non dico che non ci sia la distinzione, dico che è una distinzione individuale, da valutare persona per persona.

    @Fed: ah, ma quella non è incapacità di distinguere, è pigrizia minimalista, del genere "mi sbrigo prima a chiamare blu qualunque cosa che assomigli al blu piuttosto che stare a ragionare sull'esistenza delle sfumature". ^__^

    RispondiElimina
  8. Pfiù...tiro un sospiro di sollievo,visto che la mia categoria l'hai esclusa dalla tua "critica"!
    Sono infermiera e guarda un pò sò anche tenere un ago in mano..
    Però mi chiedo,come mai tanti movimenti esistono ancora a favore della donna...quanti fatti di cronaca si sentono OGNI giorno..
    Forse non sono tutte come le hai descritte tu..e sono tante,tantissime,troppe...
    Forse qualcuna è passata all'eccesso..bè scusatela!
    PierPaolo..il mondo al marroncino non è di un bel colore!Sarebbe meglio di vari colori in armonia tra loro!Ma non credo sarà mai possibile..
    In punta di piedi..
    Giulia

    RispondiElimina
  9. @CMT: ahhhhhhhhhh! mi hai risolto un mistero! :)

    @sytry82: io!! io!! io!!!! la festa del dinosauro la voglio fare anche io!!!

    RispondiElimina
  10. Premetto che non sono femminista e che non ho mai festeggiato quella che in realtà più che una festa dovrebbe essere una commemorazione. Non faccio distinzione tra sessi bensì tra individui, più o meno stronzi, più o meno incapaci. Per cui, pur non condividendo del tutto ciò che hai scritto, lo rispetto, e apprezzo, se non altro, la sincerità. Ciao.

    RispondiElimina
  11. Ti leggo solo ora, scusa...
    Trovo che quello che hai detto sia abbastanza vero pur ammettendo dei distinguo: le donne non sono diventate tutte butta copia del'uomo, ma parecchie si! E onestamente non mi piacciono per niente...Speriamo ci sia un'ulteriore evoluzione in meglio!

    RispondiElimina