lunedì 23 marzo 2009

Le parole che non ti ho mai detto


Non è un post romatico/depressivo, lo tengo a precisare!
L'altroieri sera, da una chiacchierata con Eli, è uscita fuori la parola "discola".
Lì per lì ho pensato a come mi piacesse e suonasse la parola stessa e anche a come, oggi giorno, non credo venga particolarmente usata.
Come questa, sicuramente, ce ne sono tantissime abbandonate, cadute nel dimenticatoio, perchè fuori moda o magari sostituite da inglesismi vari (pensiamo a computer al posto di elabotarore elettronico).

Orsu, quì dappresso elenco le prime che mi sovvengono in mente:

- ordunque
- orbene
- cooptare
- desueto
- speme
- iosa
- genetliaco
- cribbio
- perbacco
- capzioso
- immarcescibile
- sagace
- equipollente
- desinare
- garrulo

7 commenti:

  1. In quanto discola so pure ignorante di alcune mi ci vorrebbe traduzione. Prof prenoto ora di ripetizione.
    Smuck

    Una reminescenza (notare che vocabolo!) scolastica, ai tempi una volta venuti a conoscenza dell'esistenza di queste parole per sfottio si usavano anche fuori luogo:

    pernicioso, demagogico e pleonastico

    RispondiElimina
  2. Dubito che mi capiterà mai di usare "speme" o "capzioso", ma le altre le uso :D

    @Eli: "pleonastico" poi la uso di continuo, ci avevo pure rifatto attorno la strofa di una canzone ("Romantica" di Tony Dallara) :DD

    RispondiElimina
  3. PONZARE
    La prima volta che sentii questa parola il mio bimbo era ricoverato in rianimazione perchè prematuro..
    d'improvviso divenne rosso rosso,i monitor iniziarono a suonare ed io mi allarmai!
    Chiamai l'infermiera spaventata,io mamma per la prima volta in una situazione non semplice,lei mi guardò e mi disse "Ponza!"

    Io in un attimo ripassai tutto il libro di patologia medica,io infermiera non conoscevo questa malattia..più allarmata di prima pensai fosse grave,per non averla mai sentita...
    l'infermiera scoppio in una risata,probabilmente anche per il mio sguardo terrificato..e disse:
    "Il tuo bambino..stà facendo la popò e ponzare vuol dire spingere!!!!"

    ponzare
    [pon-zà-re]
    (pónzo)

    A v. intr. (aus. avere)

    1 tosc. Fare ripetuti sforzi per premere, spingere, spec. per espellere feci o partorire

    2 fig. Sforzarsi con la mente, spremersi il cervello


    B v. tr.

    1 Produrre dopo molti sforzi, spec. ottenendo risultati scarsi

    Io ponzo,tu ponzi,egli ponza...

    Giulia

    RispondiElimina
  4. no dai, alcune del tuo elenco si usano ancora, oddio, ma proprio alcune poche.

    RispondiElimina
  5. ....Purtroppo "cribbio" viene usata spesso.... :P

    RispondiElimina
  6. @Fed: ma no, perché poche? ^__^;
    - ordunque
    - orbene
    Entrambe le uso per fare il "finto dotto" in conversazioni amichevoli

    - cooptare
    Di rado ma si usa

    - desueto
    Non è desueta ^__-

    - iosa
    Anche questa, "a iosa" è nel mio vocabolario di uso comune

    - genetliaco
    Questa me l'ha attaccata Marcello ^__^

    - cribbio
    - perbacco
    Le trovo carine come imprecazioni, quindi...

    - immarcescibile
    Questa più rara

    - sagace
    La uso spesso

    - equipollente
    La uso per necessità, ma la uso

    - garrulo
    La uso per Saleria! :P

    RispondiElimina
  7. - ordunque veniamo al punto, disse quell'uomo dall'abito consunto,
    - orbene, son qui che aspetto, rispose la donna che aveva "dimpetto"
    - cooptare conviene per questa soluzione! diss'egli nervoso col suo tuonante vocione.
    - desueto! se lo lasci dire, mi permetta cotanto ardire!
    - speme mi è in petto che voi troviate pace a
    - iosa, pur dovendo risolvere la "cosa"!

    chi vuole continuare?

    RispondiElimina