lunedì 24 maggio 2010

Come Yattacan


Ce lo avete presente vero?
Credo che anche chi non è un patito di cartoni abbia visto di sfuggita qualche immagine di Yattaman.
Fatto stà che quando gli Yattaman stanno per perdere, ecco che appare il mitico "super tonico".
Per Yattacan (il mio preferito) è, ovviamente, a forma d'osso.
Poi da Yattacan si apre uno scomparto nella pancia e dei cagnolini suonano, con tanto di banda, la riscossa!
E subito dopo, dalla scaletta che esce dalla bocca di Yattacan, cominciano ad uscire dei robottini dalle forme più disparate (a forma di fette di torta, di ortaggi, di viti, di animali vari, ecc...) e sistematicamente il povero Trio Drombo perde!

Questa lunga e forse inutile prefazione, per dire che rimango talvolta sconcertato delle riserve d'energia che riesco a tirare fuori nei momenti importanti.
Questo venerdì ho sostenuto il 2° esame del master. Un esame serio (non impossibile) a discapito di quanto si possa pensare della serie: "ti pago migliaia di euro, ci vuole che mi bocci pure?!"
Eppure questo pensiero a me, purtroppo o perfortuna, non m'ha manco sfiorato.
Ho letto le tante dispense a disposizione, mi sono sorbito le varie videolezioni dal sito del master, mi sono anche andato a risfogliare vecchi e polverosi (ma utilissimi) libri universitari.
In queste ultime 2 settimane mi sono alzato ogni sacrosanta mattina (domeniche incluse) alle 6.30 solo per studiare, tirando avanti almeno per un paio d'ore (ovviamente nei giorni in cui lavoravo poi ANDAVO al lavoro, non è che me ne sono stato a casa per intenderci).
Non so il risultato dell'esame, lo verrò a conoscere credo entro la fine di questa settimana. Credo comunque sia andato tanto bene da averlo superato. Del voto, non per retorica, me ne importa davvero poco.
E anche nei fine settimana pisani, nonostante mi spari 20 ore di viaggio in bus tra andata e ritorno nel giro di 48 ore, riesco ad avere anche le energie per seguire le lezioni e poi, deigrazie, anche per svagarmi un pò con gli amici del corso.
Certo al ritorno a casa poi ho un comprensibile crollo fisico e mentale e durante la domenica vago in zombie-mode dal letto, al divano anche se, alcune volte, sono stato forse tanto avventato da sprecare le ultime energie fisiche andando per di giunta a correre. Ma, complice il (poco) bel tempo come trattenersi al richiamo di una calda giornata primaverile?
Non so quante siano queste riserve energetiche di cui dispongo. Forse si stanno esaurendo anche loro, forse dovrò stare un pò più attento, centellinarle in vista dei futuri impegni lavorativi (stiamo entrando ormai nel vivo del periodo dichiarativo) e anche di studio (c'è ancora la 3° prova, però di gruppo, da concludere entro le prossime 2 settimane e anche da iniziare a pensare all'argomento per la tesi finale).
E dovrei anche trovare le energie appunto per "vivere" anche d'altro che non sia lavoro e studio.
Comunque: Gli Yattaman erano odiosi a morire! Ho sempre tifato (e tiferò sempre) per il Trio Drombo!

5 commenti:

  1. Leggi la posta di alice :-)

    scusa ma ho dovuto fare un uso privato del mezzo pubblico eheheh smuck

    Eli sta ad energia come x sta a zero....più o meno....è che non trovo più la spina del carica batterie per ricaricarmi.

    RispondiElimina
  2. ah ovviamente sono io eh....me so scordata la firma : ELI

    RispondiElimina
  3. grande trio drombo.. perlomeno loro non si dopavano col tonico, yattaman vinceva sempre barando.. tu continua così e in bocca al lupo per l'esame!

    RispondiElimina
  4. Toh... curioso tu li abbia citati...

    RispondiElimina
  5. io non tifavo, mi piacevano tutti.
    comunque anche io iresco a tirare fuori energie da chissà dove nei momenti critici, salvo poi trasformarmi in un ghiro appena ho un po' di tempo libero

    RispondiElimina