martedì 3 novembre 2015

Musicoterapia (ovvero shopping terapeutico)



Quando si dice che la musica fa bene, si dice bene.
Certo c'è musica e musica. I gusti sono vari, alcuni magari discutibili. Ma se a qualcuno reca gioia ascoltare D'Alessio, contenti loro ecco...
Io ho i miei gusti che chi mi conosce un attimo sa verso quali generi puntano.
Anche questo 2015 mi ha riservato un buon carnet di eventi musicali a cui ho potuto partecipare.
Fino ad oggi, salvo involontarie omissioni, le mie orecchie ed il mio animo sono stati deliziati e rigenerati da:
- Verdena
- Paolo Benvegnù
- AC/DC
- Litfiba
In programma, al momento, ho:
- Il teatro degli orrori
- Foo Fighters
- Chris Cornel (questo ad aprile 2016)
Il biglietto per il buon Chris lo ho appena acquistato.
Sì, perchè al pari di alcune donne (che magari si buttano su scarpe e abbigliamento vario), cerco di scacciare i momenti tristi facendo shopping terapeutico.
La mia terapia è la musica.
E' andare per concerti. Se potessi (sia economicamente che logisticamente, ovvero senza fare centinaia di km per spostamenti vari ed annessi pernottamenti o viaggi della speranza su pullman di fantoziana memoria), penso dilapiderei il 90% dei miei risparmi in concerti.
Non devo rendere conto a nessuno di questo. Solo a me stesso ed alla mia anima.

Nessun commento:

Posta un commento