lunedì 1 novembre 2010

Avendoli


Dopo settimane, ma che dico, mesi, di rotture di zebedei, il solito gruppo di aficionados della schedina, ha vinto il megagalattico montepremi del Superenalotto.
Penso sappiate già come la penso al riguardo e non duplicherò il pensiero.
E solo la presenza di notizie su omicidi, zoccolette e alluvioni, ci sta risparmiando la rottura mediatica di coglioni su chi siano o non siano i vincitori.
Però...se fossi stato tra quei 70 e spicci aficionados, e ora avessi due milioni e rotti di euro in più in tasca, che ci farei?
E' vero, sono quelle cose che, solo al pensiero, destabilizzano parecchio.
Tanti soldi, penso, diano un po' alla testa. Fanno diventare snob, fichetti, arricchiscono, solo nelle tasche, ma non nello spirito e nella mente.
So che le mie potranno sembrare le parole di un "rosicone" e se lo sembrano, forse, ne hanno anche la sostanza oltre che l'apparenza.
E per questo, in pieno "politically correct" credo che, i soldi in questione, me li terrei. Non darei nulla in beneficienza, non darei nulla alla Chiesa (?????!!) e neanche alla ricerca.
Magari mi ricorderei, oltre che degli immancabili parenti (mi immagino già telefonate di ancestrali zii di cugini o cugini di zii, che inizieranno facendomi i complimenti, continuerebbero con ricordi di quando mi "tenevano sulle ginocchia", e terminerebbero con un elenco di sfighe e rate di mutuo da pagare alle quali, ovviamente, contribuire immediatamente), anche di qualche amico fedele e sincero.
Potrei avere anche, guardacaso, un incremento di fica...e quella porta via parecchi soldi!
Quindi, credo, che rimanendo su una somma "scarsa" dei due milioni di euro di partenza, un buon 40% se ne volerebbe in questa maniera.
E la restante parte?
Una macchina nuova? Una casa più grande? Una villetta magari in qualche cittadina un attimino più viva e carina di quella dove vivo ora?
Anche una limata del naso da un buon chirurgo plastico?
Bof...tutte buone idee. Costose, ma ora che ho più di un milione di euro in tasca, posso permettermi qualche sfizio!
Eppure, al giorno d'oggi, pare che anche con un milione di euro si sia degli pseudo poveracci.
E' capace che dovrei pure continuare a lavorare! Teniamoceli stretti stì manco mille euro, eh?!
In questi casi, più che in altri, mi rendo conto dell'eccessiva materialità delle nostre vite.
L'eccessivo peso del denaro che porta, in genere, al potere. E il potere, logora. Chi ce l'ha e chi non ce l'ha.
E mi rendo conto che, ahime, non avrò mai soldi se non quelli che mi servono e serviranno, spero, per mantenere una vita dignitosa.
Per andare a mangiare una pizza a settimana, pagare un aperitivo ai miei amici, comprami un jeans nuovo ogni tanto e, magari, pagare a rate la macchina o i mobili dell'IKEA.
I soldi non sono fatti per me. La notorietà non è fatta per me. Non è fatto per me il potere e l'uso, o abuso, dello stesso.
Rimarrò sempre un numero, uno dispari ovviamente, almeno, fin quando, non proverò ad uscire da questo gioco dalle regole un po' a cippa.
E, no, non ci vedrei proprio nulla di male se, un giorno, vendessi tutto, mandassi tutto a fare in culo, e mi trasferissi in qualche paese esotico a vendere granite.
O, in alternativa, c'è sempre la famigerata fumetteria...
E, ultima entrata, un bel pezzo di campagna con una casetta rustica. Con un bel caminetto, 4 galline, 5 conigli, qualche maiale, un asinello, uno struzzo, tanti cani e gatti. Vivendo di quello che produco con le mie mani, con il mio sudore.
Se fortuna deve essere, che fortuna sia e che agisca sulla mia testa facendomi prendere decisioni sagge e giuste. Che agisca nelle mie tasche, non mi serve, proprio no.

2 commenti:

  1. ora lo so che ti scazza un po sta cosa dei complimenti...lo so che te sei un po stronzo e non ti pigliano bene le sviolinate..ma io te l'ho detto che tu mi piaci...anche co tutti sti soldi..
    ( ah volevo dirti casomai vinci davvero..io sono vedova con 4 figli...hi hi hi hi )

    RispondiElimina
  2. Grazie Mariagrazia, molto, troppo gentile da parte tua.
    Ti terrò da conto sicuramente qualora dovessi vincere.
    Ma per farlo, almeno, dovrei iniziare a giocare...

    RispondiElimina