lunedì 19 gennaio 2009

Arci sfuto


Ci pensavo su poco fa. Ieri sera, tornato dalla pizzeria, accendo per un attimo la TV e zappando col telecomando vedo che su Italia 1 stanno trasmettendo l'ennesima (patetica) puntata di Colorado Cafè (in sostituzione dell'ancor più penoso Saturday Night Live -che andava in onda il MARTEDI'-).
Ricordo, al contempo, come (la domenica se non erro) su Canale 5 invece stiano trasmettendo Arci Zelig (cambiargli di titolo, sinceramente, non so cosa significhi visto che è sempre la solita solfa, coi soliti comici, soliti conduttori, solite battute.).
L'altra rete del Principato di Mediaset, che trasmette (invece) quotidianamente una striscia di comicità demente, ci delizia con il Tg4 condotto "dal loro direttore" Emilio Fede.
La RAI, almeno per il momento, non mi pare abbia nei proprio palinsesto programmi dichiaratamente comici o demenziali, ma li ha avuti in passato e li proporrà in futuro.
Eppure, mi domando, ma farci "ridere" (e ce ne vuole per dire che certe battute fatte da certi comici siano, appunto, da ridere), rientra in una sorta di spassoso lavaggio del cervello nei confronti degli ignari telespettatori, oppure non abbiamo davvero più nulla da dirci che non sia "Essiamo noi essiamo noi, Franco ooohh Franco e Brava brava brava."?
Bof...

8 commenti:

  1. Bè, in effetti ormai in TV fa più odience un programma, e soprattutto dei presentatori assolutamente idioti, piuttosto che qualcosa di sano....

    Io devo dire che la televisione la guardo gran poco, però quest'anno zelig l'ho guardato, ed è vero che la maggior parte dei comici fa pezzi ripetitivi che magari fanno ridere una volta ma poi basta.... probabilmente è per questo che in questa edizione hanno riportato sul palco le "vacchie guardie", vedi Enrico Bertolino, Paolo Migone, Angela Finocchiaro.... Insomma, comicità un po' più di livello....

    Citerei anche Gioele Dix, che x me è un genio, però purtroppo a zelig fa sempre il solito pezzo dell'automobilista....

    Sicuramente far ridere non è semplice, e spesso è per questo che la comicità si riduce alle allusioni e alle battute scontate e poco impegnative, però non credo che sia tutto da buttare....

    RispondiElimina
  2. ....scusate la gaff vergognosa.... AUdience.... :D

    RispondiElimina
  3. beh, penso che sia il solito discorso del cane che si morde la coda: la solita pappa pronta è più facile da proporre a chi non si aspetta nulla di diverso e più facile da digerire per gli spettatori che sanno già cosa vedranno. Sarebbe carino se qualcuno porvasse a sperimentare e prporre un palinsesto diverso, così, tanto per vedere che succede.
    Comunque Pierpa, per zappare è meglio se usi la zappa, il telecomando non funziona gran che :p

    RispondiElimina
  4. Il vero problema è che c'è un mucchio di gente che li guarda (e come li guarda) quei programmi... se no avrebbero smesso di farli da un bel pezzo. Mah!

    RispondiElimina
  5. Si, hanno molti telespettatori. Come li hanno (purtroppo) i reality. Ieri sera rabbrividivo ogni volta che mi trovavo, per caso, a mettere sul 5 trovandomi il Grande Fratello -___-;
    Eppure la gente sà più che misura di tette ha una decerebrata che della tregua in palestina.
    Siamo messi male

    RispondiElimina
  6. Magari si potrebbe mandare la decerebrata a condurre i negoziati di pace... Due piccioni con una fava! :-P

    RispondiElimina
  7. Non so come finirebbero i negoziati, ma di certo lì sanno come trattare i fenomeni baraccone diversamente che da noi.

    RispondiElimina
  8. Considerando la zona... finirebbero e basta, sarebbero tutti troppo impegnati o a guardare il promontorio o a decretare qualche pena per la sua esistenza ^__^;;

    RispondiElimina